PAGINE


NEWS

FOTOGRAFIE SUBACQUEE

guarda le nuove foto scattate durante le nostre immersioni


INFO

Guarda cosa hanno combinato i nostri amici a bordo del Crater


Immersioni Ferragosto in barca

Mini crociera a Portofino Mini crociera a Portofino

Le Hawai in barca Festa Hawaiana a bordo


CONTATTI

LA NOSTRA BARCA

Caratteristiche

Anno costruzione: 1943
Lunghezza totale: 20 mt
Larghezza: 5 mt
Pescaggio: 1,90 mt
Motori principali: 2 x 330 Caterpillar
Aria compressa: Bauer K14
Serbatoi dell'acqua: 2
Letti: 12
WC: 3
Docce: 2 (con acqua calda)
Max. passeggeri: 20
Sicureza: ossigeno,estintori,
giubbotti salvataggio

The boat

Year built: 1943
Length overall: 20 mt
Beam: 5 mt
Draft: 1,90 mt
Main engine: 2 x 330 Caterpillar
Air compressor: Bauer K14
Water Tanks: 2
Beds: 12
WC: 3
Showers: 2 (hot water available)
Max. passengers: 20
Safety: oxygen, life jackets,
fire extinguishers

La barca e’ ormeggiata presso i CANTIERI NAVALI GENOVESI
Indirizzo: Via Cibrario 1 a Genova Sestri Ponente.
Per la mappa e indicazioni su come arrivare, segui questo link
The boat is anchored by the CANTIERI NAVALI GENOVESI
Address: via Cibrario 1 in Genova Sestri Ponente.
To see the map where we are and to get the route, please follow this link


Il Crater Lake In navigazione In porto a Chiavari
Le cuccette Dinette verso prua Dinette verso poppa
Sala comando Il ponte L'imbarco


CRATER-LAKE Ottobre 2007

il resoconto di una bella esperienza di Gianfranco (vostro socio affezionato, ma non per questo di parte)


Crater-Lake…., una parola magica, evoca in me ricordi stupendi, passati goliardici, amici che finalizzano nel piacere di stare insieme due giorni il massimo della goduria subacquea. Mare permettendo è il fine settimana più “anarchico” e piacevole che un gruppo di venti persone possano immaginare.

Tutto comincia un anno prima dell’avventura e già l’inizio è un’avventura; trovare disponibile uno o più fine settimana su questa ex barca militare, della Reale Marina Inglese è cosa difficile. Concordato o concordati (per i più fortunati che riesce a trovarne due) il fine settimana giusto, sempre condizioni climatiche permettendo, si potrà godere del piacere di vivere la seconda giovinezza del Crater-lake, finalizzata al piacere di immergersi in uno dei posti più belli, suggestivi e ricchi di fauna marina del Mediterraneo.
La gentilezza e la pazienza di Claudio e Stefania ci permettono di poter imbarcare già dal venerdì sera, sistemate attrezzature e vettovaglie ci buttiamo a capofitto sulla tradizionale spaghettata di benvenuto, innaffiata con buon vino ed a chiudere limoncello e dolcetti vari. Ora tutti in branda, chi sottocoperta e chi sotto un tetto di stelle, si aspetta l’alba; tra un colpo di cannone ed il gracidare dei gabbiani spunta un timido sole, lentamente gli amici compaiono nel pozzetto di poppa, dove un lungo tavolo imbandito per la colazione da anni ascolta la rituale litania dei lamenti per rumori molesti notturni ed addebita a questo o quello il motivo di una notte insonne.


Bene, alle otto in punto Claudio da ordine di mollare gli ormeggi e se il mare lo consente dopo un quarto d’ora usciamo dal porto e la sagoma del Promontorio si definisce davanti ai nostri occhi, “meraviglia”, quello è il luogo delle nostre scorrerie sub per i prossimi quattro tuffi. Non sto a declamare lo spettacolo che ci accoglie ad ogni immersione, conosciamo tutti ormai la bellezza di questo fondale, la ricchezza di pesce di piccola e grossa taglia, il corallo rosso già presente a 15 metri, le gorgonie rosse e gialle, la magia della luce tra le spaccature delle rocce e la trasparenza dell’acqua.


Tutto magnifico, anche la compagnia beneficia di questo spettacolo, gli animi sono sereni e felici, le visioni che vengono evocate spesso devono scendere di almeno una o due taglie ma tutto fa spettacolo, come la cena del sabato sera a bordo, la bravura di Claudio nel cucinare la piovra od il polpo, il limoncello “giusto” a fine cena, il dopo cena a contemplare le stelle e raccontare storie che nessuno avrebbe ascoltato se non si fosse trovato lì in quel momento, su una barca di amici, allegri e contenti che questa barca esista. Anche chi soffre il mare si ingegna per trovare un rimedio al problema pur di esserci, pur di dire, al rientro, rimettimi in lista per la prossima uscita sul Crater-Lake

Buona navigazione a tutti gli amici che di volta in volta hanno e vorranno condividere con me il piacere di passare un fine settimana in compagnia di Stefania e Claudio a bordo della loro “incredibile” e “magica” barca. Non posso dimenticare in tutto ciò l’aiuto che Gino e sua moglie danno nello svolgere della giornata a bordo, un grazie ed un affettuoso pensiero anche a loro. Un amico giornalista una volta mi disse: quando scrivi devi essere il più chiaro possibile nel minor numero di righe e per fare ciò ho bisogno di più spazio per descrivere meglio la vita di bordo, i pregi ed i difetti della barca, l’accoglienza ed il supporto logistico e tanti altri particolari che fanno del Crater-Lake la giusta corona e la magia che si gode in fine settimana diverso ed irripetibile, perché ogni volta è una cosa diversa...

Ciao, al prossimo imbarco ed al seguito di questa narrazione.