PAGINE


NEWS

FOTOGRAFIE SUBACQUEE

guarda le nuove foto scattate durante le nostre immersioni


INFO

Guarda cosa hanno combinato i nostri amici a bordo del Crater


Immersioni nell'Area Protetta di Portofino

Immersioni nel golfo del Portofino

Immersioni nel golfo del Tigullio


CONTATTI

SECCA GONZATTI [GONZATTI SHOAL]



SECCA GONZATTI

Possiamo iniziare l'immersione partendo dalla piccola piattaforma a sei metri.
Scendiamo tra la secca e la parete del promontorio. Tenendo la parete della secca alla nostra destra, procediamo in senso orario. Intorno ai 18 metri, tane di gronghi e murene. Nel punto in cui la secca inizia ad allontanarsi dalla parete del promontorio, proseguiamo fino a incontrare una zona ricca di gorgonie rosse (Paramuricea Clavata) intorno ai 30 metri.
Abbiamo così raggiunto il settore che ospita, a 10 metri, il corpo morto della boa. La parete crea piccole insenature e spaccature ricche di flora. Guardando verso il mare aperto, possiamo notare dentici di notevoli dimensioni.
Dirigendoci di nuovo verso il promontorio la secca degrada dolcemente.
Raggiungiamo il canale tra la secca e il promontorio a circa 20 mt. Questo, ricco di massi dalle forme più strane, accoglie le tane di molte cernie.
Ancora uno sguardo alla parete della secca (a pochi metri una splendida Anemonia Sulcata) e possiamo fare la sosta di sicurezza sulla piccola piattaforma a 4 metri e giocare con le donzelle pavonine.

GONZATTI SHOAL

We can begin our dive from the small platform six meters under the surface.
We descend between the shoal and the promontory wall. Keeping the wall of the shoal to our right, we proceed clockwise. At approximately 18 meters, we find the lairs of conger and moray eels. At the point where the shoal begins to move away from the promontory wall, we continue until we come upon an area rich in red gorgonians (Paramuricea Clavata) at about 30 meters.
Here we have reached the area that hosts the dead man of the buoy at 10 meters. The wall creates small coves and cracks that are rich in flora. Looking out to sea, we can spot sea breams of remarkable size.
Then, heading toward the promontory, the shoal slopes gently. We reach the channel between the shoal and the promontory at approximately 20 meters. Rich in rocks of the oddest shapes, it harbors the dens of many groupers.
One more glance at the shoal wall (a splendid Anemonia Sulcata lies a few meters away) and we can take our safety stop on a small platform at four meters and play with the peahen wrasses.